Oscar François de Jarjayes

Questo post è stato letto 1023 volte

Oscar François de Jarjayes in uniforme bianca

Versailles 1755 – Parigi 1789. Oscar François de Jarjayes nata donna e cresciuta come un uomo fatica a riconoscere la sua vera identità che comunque le s’impone di volta in volta in maniera diversa e soprattutto in quel frangente che costituisce la vera soglia tra le due entità: l’amore, il sesso.
Il capriccio di un genitore si trasforma in un tormento: una donna bellissima, forse migliore delle donne di corte per la mancanza di frivolezza, coraggiosa, da sempre in antagonismo con uomini, ma sensibile, delicata in fondo come una rosa: La Rosa di Versailles. Convinta sin da piccola che non vi siano differenze sostanziali tra lei ed il suo compagno di giochi André, cresce nell’ingenua convinzione di essere un ragazzo. Diventa poi Capitano delle Guardie Reali, sembrerebbe per dispetto, infatti, dopo il rifiuto di dover servire una donna quale la principessa austriaca, accetta il duello nel bosco con Girodelle, altro candidato, solo perché da questi provocata.

L’amicizia-devozione nei confronti di Maria Antonietta è quasi maniacale, turbata forse dal suo doppio ruolo uomo-donna, somiglia ad una sorta d’innamoramento possessivo ma in fondo una vera amicizia è ben più salda di qualsiasi altra relazione. Amicizia in qualche modo messa a repentaglio dal vero amore, il Conte di Fersen, unico uomo che si convince di poter amare malgrado egli non ricambi o non possa ricambiare il suo amore.

Oscar François de Jarjayes in abito da donnaIl fatidico ballo cui prende parte indossando il favoloso abito celando a tutti la sua identità, André a parte che a malincuore l’accompagna, segna la fine delle sue speranze: Fersen la vede come un amico, un amico uomo per giunta, il suo migliore amico. Non c’è amore per lei, nel cuore di Fersen c’è posto solo per Maria Antonietta anche se non potrà mai averla. Oscar soffre per se, per Fersen e per la sua Regina.

All’oscuro sembra restare il bell’attendente ed i suoi sentimenti profondi stretti nella morsa della mano che stringe lo straccio con cui lava il cavallo nella fontana mentre Oscar suona il piano.

Dopo la vicenda di Fersen, Oscar decide che la sua vita sarà quella di uomo senza più il bisogno di nessun aiuto da parte di André, ma lui non è aiuto che vuole offrirle ma amore e glielo rivela, nel modo sbagliato forse ma al momento giusto secondo me.

Oscar non potrà mai rinnegare la sua identità di donna e questo le fa più male della violenza appena subita dal suo amico di sempre. Lascia la Guardia Reale per i Soldati della Guardia fra cui lo ritroverà con sua grande meraviglia, arruolatosi per seguirla.

Girodelle, l’altro innamorato, chiede la sua mano negata con non troppa finezza anche a dispetto di un padre che solo ora ammette di aver sbagliato. Oscar continua la sua vita militare all’ombra della Rivoluzione fino al giorno in cui il suo essere donna realizza di non poter vivere senza l’uomo che ama più di ogni altro al mondo: André.

Oscar François de Jarjayes in uniforme rossaIl destino però è segnato. Le sue condizioni di salute sono precarie, forse l’incubo della morte la porta a liberarsi di tutti i tabù: tradisce la Corona, la sua Amata Regina, rinnega le sue origini abbandonando con un biglietto il padre in lacrime, si scopre innamorata, ironia della sorte, il giorno in cui Fersen la salva dalla folla impazzita e fra quelle stesse braccia invoca il suo André. Passeranno dei giorni prima che trovi il coraggio di manifestare i propri sentimenti ma finalmente…

…il loro amore arde il bosco più di quanto possa la Rivoluzione ardere il cuore di Parigi, finalmente il suo essere donna si realizza completamente, il sogno prende forma ma senza realizzarsi mai. André, ormai cieco, muore nell’assurdo tentativo di salvarla. Oscar dapprima si abbandona in preda alla disperazione poi, spronata da Alain e dagli ideali che il suo compagno le aveva trasmesso, riprende con ardore il comando, poi muore, sul campo di battaglia, un’ora prima della presa della Bastiglia.

Oscar François de JarjayesOscar François de JarjayesOscar François de JarjayesOscar François de JarjayesOscar François de Jarjayes

 

Dai una sbirciatina anche a...

Un abito nuovo per Lady Oscar

2017-10-03 01:40:32
megalis

18

I luoghi di Lady Oscar: Versailles

2017-01-17 16:25:43
megalis

18

I luoghi di Lady Oscar: Parigi

2017-01-10 11:38:14
megalis

18

I luoghi di Lady Oscar: Arras

2017-01-02 11:34:52
megalis

18

Romics Cosplay Lady Oscar

Romics - Domenica 5 Ottobre 2003

Il nostro primo Cosplay

2003-10-05 11:41:39
megalis

18

I dialoghi del Cosplay di Lady Oscar

Saint Just: Molti di voi ci avranno riconosciuto! (e questo l'ho detto senza microfono e n

2003-10-05 10:00:23
megalis

18

I luoghi di Lady Oscar: la Ghigliottina

Macchina per le esecuzioni capitali. Il suo uso risale a Genova, 1507, con la decapitazione di D. Giustiniani. Nel 1789
2001-11-30 15:15:44
megalis

18

I luoghi di Lady Oscar: la Bastiglia

Antica fortezza di Parigi, se ne iniziò la costruzione durante il regno di Carlo V, nel 1356 e venne terminata sotto il
2001-11-30 15:13:01
megalis

18

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *